Riflessologia plantare

 

Secondo l’MTC (Medicina tradizionale cinese) le mani, i piedi e le orecchie son delle porte d’accesso, attraverso le quali dialogare con la persona, i suoi sistemi, gli apparati e i visceri. Mantenimento della salute, modulazione del tono dello stress, analgesia e risoluzione di piccoli disturbi, è l’ambito in cui si specifica la figura (di formazione pregressa non sanitaria) che viene formata in questo corso. Attraverso la riflessologia podale, la neuromadulazione auricolare e la riflessologia delle mani e del viso, l’operatore che si forma all’interno del Corso base di Riflessologia plantare lavora sulla comprensione del principio per il quale a ciascuna area del piede corrisponde un organo, individuato in base ai flussi d’energia continua che scorrono nel nostro corpo, secondo le mappe di MTC (Medicina tradizionale cinese) e la letteratura scientifica ad essa legata. A ciascuna manovra di manipolazione della singola area è relazionato un effetto benefico all’organo e alla sua funzione.

La manipolazione plantare viene appresa attraverso lo studio approfondito dell’anatomia del piede, del sistema nervoso centrale e periferico, il sistema sanguigno, ed è utile per una serie di disturbi e per la loro prevenzione primaria.

La formazione spesso viene integrata da un secondo modulo che prevede lo studio dei protocolli di Neuromodulazione auricolare del dott. Giancarlo Bazzoni.

 

Docenti:

Stefania Loriga – Naturopata e Riflessologa

dott.ssa Marta Mela – Fisiologia e Nutrizione

dott. Mario Succu – Anatomia esperienziale

Gianni Pisottu – Life e business coach – Stato, relazione d’aiuto, empowerment